Un immagine stupenda ma dove ????

Un immagine stupenda  ma dove ????
Foto da Bing come altre attraverso Picturethrill

Benvenuti Amici e Grazie di seguirmi

giovedì 5 marzo 2015

Crede di essere una : Torta croccante alle mele ....

La mia amica Monica Zacchia del blog  Dolci Gusti  ha fatto una splendida torta di mele definendola "Croccantissima alle mele".
Io non faccio mai o quasi mai dolci salvo se ho invitati amici o familiari perchè non sono golosa (nemmeno maritozzo lo è) e per fortuna perchè oggi i dolci non potrei mangiarli.
Certo mi piaccio certe chicche dolci come la frutta Marturana (marzapane) che i miei colleghi siciliani mi facevano avere il classico carettino siciliano per il mio compleanno in novembre, periodo proprio di questi dolcetti. Mi piace il mandorlato morbido, il panforte e, forse reminiscenze del passato, i famosi rolosini di zucchero ripieni con gocce all'aroma di frutta o anche di fiori.
Non amo le creme in genere di qualsiasi tipo, al di fuori di quella del tiramisù ma rigorosamente solo la crema nessun biscotto o altro intinto nel caffè o alchermes o ecc. Diciamo molto selettiva.
Un dolce che ho fatto spesso e che usualmente elimino lo zucchero è lo strudel di mele da una vecchia ricetta della nonna ungherese.
Questa torta mi ha ispirata essendo un modo diverso di fare un dolce con le mele e quasi del tutto privo di zucchero.

La ricetta originale la trovate QUI

La mia è un pò diversa in quanto non avevo a sufficienza la pasta fillo richiesta per la croccantezza.

Ingredienti :
 che ho usato io e che sono quelli che avevo in casa, i restanti come da ricetta originale 
4 fogli di pasta fillo
4 fogli di pasta sfoglia rettangolare pronta tirata sottilissima
2 mele granny smith
1 mela pink lady
1 tortiera di 25cm




Preparazione

Seguite le istruzioni delle ricetta originale come ingredienti per insaporire le mele.
Siccome non avevo pasta fillo sufficiente, ho diviso in quattro la pasta sfoglia rettangolare.
Prima divisa a metà e poi ancora a metà per avere 4 pezzi.
Ogni pezzo l'ho tirata con il matterello su un ripiano leggermente infarinato il più sottile possibile simile alla pasta fillo.
Ho distribuito come indicato 4 fogli sul fondo alternando uno di fillo, pasta sfoglia, fiillo e finendo con la pasta sfoglia. Ogni pezzo bagnato con il burro fuso ed i fogli messi  in senso inverso l'uno sull'altro in modo da avere degli angoli che trasbordano dalla tortiera.
Vi raccomando, prima di mettere le mele sbriciolate dei biscotti, amaretti come dice Monica oppure altro tipo come ho fatto io che non avevo amaretti ma dei biscottoni molto frolli. Poi mettete tutte le mele. I biscotti servono per assorbire l'umido delle mele durante la cottura e permettere alla pasta fillo sotto di diventare croccante. Poi completate con gli altri 4 fogli che ho alternato allo stesso modo sempre bagnati ciascuno da burro fuso.
Alla fine ho ripiegato tutti gli angoli di tutti i fogli uno alla volta bagnando sempre con un pò di burro fuso fino a chiudere tutto.
In forno a 180° ma purtroppo io non ho il forno statico. Per i primi 15 minuti ho lasciato scoperto, poi ho coperto con la carta da forno per continuare la cottura senza bruciare la superficie per altri  20 minuti. Gli ultimi 10 minuti per portare il tempo in totale a 45 minuti, ho tolto la carta da forno in modo che la superficie diventi ancora più croccante e colorata.
Tolta dal forno, lasciata freddare e poi l'ho spolverata con lo zucchero a velo solo per farla più bella.
Vi assicuro di una bontà ma se voi non avete problemi di zucchero potete spolverare ogni foglio dopo aver passato il burro fuso lo zucchero integrale come dice la ricetta originale.




Le prime due fette tiepide mangiate cosi subito, per le altre le ho accompagnate con una crema alla vaniglia calda  e poi una parte raffreddata mescolata con la panna montata come una crema chantilly.
Ovviamente io sono esclusa da questi accessori.....


NOTA
L'idea della pasta sfoglia tirata sottilissima non è proprio mia, la devo aver sentito o visto in  qualche trasmissione facendo zapping... e mi è rimasta in memoria. Diventa veramente sottile come una fillo con il vantaggio che non si asciuga anche se è ugualmente fragile.
Ovviamente la pasta fillo diventa "croccante" mentre la pasta sfoglia è si croccante ma anche molto friabile. Direi che possono stare assieme.

Ciaooo a tutti e grazie Monica.
Stampa il post

martedì 3 marzo 2015

"Hinamatsuri - Festa delle bambole o Festa delle bambine "

Leggendo una rivista mi ha colpito un articolo che parlava delle  Festività e ricorrenze che iniziano con la primavera in Giappone.
Sono feste che ancora oggi pur a distanza di oltre un millennio non sono state dimenticate e che proprio nel mese di marzo con la prima fioritura di pruni, camelie, iris, loto e ciliegi ecc. hanno inizio, un preludio alla fine dell'inverno.

L'articolo menziona Nara (ma chissà in quante altre città..) che inizia dal 1-14 marzo con "Omizutori = Festival delle acque sacre" e poi con "Otaue-matsuri " sempre in acque sacre ma anche con antiche danze. 
La ricorrenza che mi ha colpita è quella che si celebra in tutto il Giappone il 3 marzo "Hina-matsuri / Hinamatsuri" - Festa delle bambole o Festa delle bambine" e si riferisce all'epoca Heian dal 794 al 1192  ".

Dice Wiki...
....è una ricorrenza che cade il 3 marzo cioè il terzo giorno del terzo mese e vengono preparate delle piattaforme con tappeto rosso sui quali viene esposto un insieme di bambole ornamentali che raffigurano l'imperatore, l'imperatrice, gli attendenti ed i musicisti della corte imperiale con gli abiti dell'epoca Heian. I familiari delle bambine pregano affinche venga dato loro bellezza e salute in quanto si pensa che le bambine "passino" la sfortuna alle bambole.
La celebrazione risale circa alla meta del VII secolo durante l'epoca Heian e si credeva fermamente che esse avessero il potere di contenere gli spiriti malvagi e le malattie corporali. Erano anche definite "bambola fluttuante" perchè alcune di esse di paglia venivano poste lungo un corso di fiume affinchè portasserò con se gli spiriti maligni ed i cattivi auguri.
Datochè finivano nelle reti dei pescatori, ora vengono raccolte e bruciate nel tempio. Vi lascio un immagine tratta da Wiki...


Piattaforma dell'Hinamatsuri; la famiglia che l'ha preparata ha due figlie e sono quindi esposti due insiemi quasi completi di bambole ornamentali (hina-ningyō)

Vi consiglio di andare al link Hinamatsuri  perchè ci sono tantissime notizie sui cibi tipici di quel giorno, quali sono le bambole tradizionali e tanto altro. A mio parere è una lettura interessantissima.

Ad ogni modo se l'argomento vi incuriosice, la mia amica Titti, giapponese doc che vive ad Osaka, laureata in Letteratura giapponese e Maestra di Ikebana, conosce perfettamente l'italiano è anche traduttrice -- amante dell'Italia che ha visitato in lungo e in largo come potrete vedere dal suo blog tutti i luoghi in cui è stata. Direi che ha visto quasi più lei dell'Italia venendo da Giappone che io che ci vivo.
Vi rimando alla sua pagina dove parla in prima persona di questa Festa delle bambole perchè ovviamente  è una ricorrenza a cui tutta la famiglia vive e partecipa e presenta le sue di "bambole".
Il suo post merita di essere letto e troverete anche un altro link che vi portera a ricette in uso quel giorno. Se vi incuriosisce sapere qualcosa di veramente unico penso che sia difficile avre indicazioni cosi vive sulla vita in Giappone presente e passata, vi consiglio di leggerla. 
Il link al suo blog della "Festa delle bambole" è  QUI ed il suo blog si chiama I MONOLOGHI

Vi metto qui alcune immagini tratte dal web con google, altre personali - di casa sua le trovate sul suo blog - I Monologhi.



Clic sulle foto per ingrandire


La vita nel Giappone ed il ricordo radicato di festeggiare sempre e comunque le festività e tradizioni del passato a più di mille anni di distanza è al di fuori del nostro concetto italiano ma anche direi europeo, è come se si parlasse di un altro Mondo.

Piccolo appunto informativo....
Se vi interessa la cucina giapponese, andate sul blog Pancetta Bistrot
Sono due sorelle una di origine giapponese. Io cercato la famosa confettura di fagioli molto usata in Giappone e l'ho trovata proprio sul loro blog.
 
Dall'amica Titti troverete tantissimi immagini di piatti locali delle varie ricorrenze ed i nomi degli alimenti ma non le ricette. Gli ingredienti non sono facili trovare in Italia ed anche alcuni piatti hanno un esecuzione complessa che secondo il mio modesto parere solo un giapponese o qualcuno che ha vissuto a lungo in Giappone è in grado di elaborare come previsto da sempre.
 
Oltre alle ricette del blog suindicato, troverete altre ricette ed informazioni sulla Cucina Giapponese sul sito della mia amica di lunga data Marina a questo link "La cucina Giapponese .."

 すべての私の友人に良い一日。 
(Buona giornata a tutti gli amici)

Fioritura di ciliegi in primavera
Foto dal web credits QUI

Stampa il post

domenica 1 marzo 2015

Intermezzo Domenicale !!! - " Qualcosa per sorridere...ogni tanto ci vuole....

Siamo già in Marzo, il tempo corre veloce. Ho scelto come immagine d'apertura dell'intermezzo  questo simpatico orso che beve il latte assieme al suo piccolo amico, forse è un fotomontaggio...forse anche no.... restiamo nel dubbio troppo simpatico.


Io credo che davanti a delle immagini come queste ed altre con una bella musica si riesce a sorridere e forse dimenticare i problemi magari solo per pochi istanti. Io vi vedo seduti in poltrona con una bella tazza di fumante cioccolata, dei cakes oppure una bella tisana calda profumata magari alla cannella... o quello che in quel momento vi viene voglia di bere o anche mangiare.
Di immagini come queste ne avrete viste tante e forse anche queste ma , forse non tutti e non tutte  ....
Ho aggiunto anche due piccoli video di due personaggi molto conosciuti.

video


video



video


Io spero che tutto sia di vostro gradimento e che possiate passare alcuni minuti spensieratamente.

Un salutone, buona domenica a tutti.


Stampa il post