Stabilimento "La Lanterna detto Pedocin" - Trieste - clic sulla foto per la storia

Stabilimento "La Lanterna detto Pedocin" - Trieste - clic sulla foto per la storia
Foto dallo Stab.Ausonia adiacente - particolare del "Pedocin" il muro che divide le donne.uomini una cosa unica e nemmeno un referendum è riuscito a farlo abbattere. ILe triestine - donne non ne vogliono saprere,,,ma nemmeno i maschietti !!!!

Benvenuti Amici e Grazie di seguirmi

domenica 27 luglio 2014

Intermezzo Domenicale !!! (27)




Ci stiamo avvicinando alla fine di luglio, anzi è l'ultima domenica e come dicono tanti l'estate non è ancora scoppiata. Immagino la delusione di coloro che con sacrificio sono riusciti a prendere una vacanza al mare magari in una regione ove il tempo brutto ha fatto da padrone, Non è che in montagna sia meglio li fa anche freddo.
Posso immaginare lo stress.... e quindi ho pensato di aiutarvi e condividere questo simpaticissimo PPS convertito in Video per postarlo qui,  contro lo "stress" e la domanda alla fine dice..."se ci riescono loro perchè noi NO ????".
La musica che l'accompagna e sul genere...se l'ascolti ti addormenti!!!!! Relax completo anche per voi.


video




Buona domenica ciaooo.



Emoticons stive

Stampa il post

venerdì 25 luglio 2014

Parliamo di FUNGHI ...strani !!!!

Torniamo ancora alle meraviglie della natura con questi due funghi di cui non sapevo nemmeno che esistessero, uno commestibile l'altro altamente indigesto per non dire velenoso.
Iniziamo con

Lactarius Indigo

Lactarius indigo 48568 edit.jpg  

Foto da Wiki

Lactarius indigo è un fungo della famiglia delle Russulaceae ed è diffuso in centro e nord America ed in Estremo Oriente. Cresce nelle foreste di decidue (quelle in cui gli alberi  con cambio stagione o altri motivi climatici perdono le foglie) e nelle foreste conifere dove forma associazioni micorizziali (sarebbe la simbiosi) con diverse specie di alberi.
Si chiama indigo perchè la parola indica il colore indaco-blu che è il lattice rilasciato quando viene spezzato e dopo lentamente diventa verde con l'esposizione all'aria.
E' un fungo commestibile ma penso che noi qui non lo vedremo o gusteremo mai....se facciamo un viaggio!!!!



L'altro fungo è il

Hydnellum peckii

Hydnellum peckii2.jpg



Hydnellum peckii ...diciamolo pure, fa proprio ribrezzo. Vive nei boschi di conifere.
Una specie di bizzarra forma ed inconfondibile soprattutto per le goccioline rosse ricordanti il sangue sopra il carpoforo che lo rendono particolarmente impressionante, specialmente se ne è completamente ricoperto e se il carpoforo è di grosse dimensioni.
All'inizio bianco e morbido con queste goccioline ma con il passare del tempo tende al bruno e al legnoso, privandosi delle goccioline.
Dicono che sembra un gelato.....a me non pare !!!!
E' altamente indigesto ma sembra non velenoso e dicono odore gradevole ma sapore amaro e sgradevole quindi qualcuno l'ha provato.....


Tutte le notizie info. tratte da Wiki e sotto ogni immagine cìè il link diretto alla pagina.
La mia curiosità è partita da due immagini con questi funghi ed il loro nome e quindi sono andata a documentarmi come al solito.

Un abbraccio e buona giornata.
Stampa il post

martedì 22 luglio 2014

Pasta fredda

Io non amo particolarmente la pasta, preferisco di gran lunga il riso che sia nero, rosso, bianco normale, basmati ecc. con qualsiasi condimento ma anche senza nulla in bianco.
Maritozzo invece da buon figlio di napoletano adora la pasta in qualsiasi forma e sapore anche in bianco come io il riso. Penso comunque che la pasta piaccia alla maggioranza i "risottari" si possono contare.
Il famoso chef Ramsey,  penso che le food blogger lo conoscano molto bene, a mio personale parere è il migliore oggi sulla piazza. Usa qualsiasi ingrediente o materia prima povera e blasonata e la sua cucina può essere complessa ma anche semplicemente "casalinga" e qualsiasi massaia anche non esperta è in grado di farla.
Ho visto l'esecuzione di una splendida pasta fredda in un video alla TV e  come l'ha definita lui fatta "all'italiana" per aver usato verdure ed aromi prettamente di cucina "mediterranea". Ma quello che mi ha colpito è stato l'uso di una pasta di piccolo formato che usualmente viene adoperata per  minestre ma anche nei brodi, ma  che io invece trovo delizioso perchè assorbe al meglio i condimenti, si amalgama anche visivamente e non è invadente come la pasta grandi formati tipo penne, mezze maniche ecc.
Ovviamente a parte la pasta il resto è stato rivisato in base ai miei gusti ed a quanto avevo in casa al momento che ho deciso di farla.

Ingredienti per 2 persone (ma 4 ci mangiano comodamente infatti è avanzata)

150 g di pasta formato "risoni" (è ovale allungata piccola ma cresce un pò in cottura)
125 g di piselli (un vasetto già cotti)
125 g di mais misto con olive e peperoncino (1 vasetto misto cotto)
10-15 champignons sott'olio
1 cucchiaio di olive taggiasche sott'olio
2 cipollotti oppure 1 cipolla di Tropea media
2 spicchi d'aglio fresco o quello rosa 
3-4 foglie di basilico
5 pomodori secchi sott'olio
uova - latte -mozzatella grattugiata  *)
sale - pepe
olio evo e aceto (io uso quello di mele)

il formato pasta "risoni " da Wiki (non metto il no in quanto non vorrei essere tacciata di pubblicità

Preparazione
In una terrina capiente mettere assieme tutte le verdure citate incluse quelle dei vasetti, tagliare fine il cipollotto o cipolla e schiacciare l'aglio, spezzettare con le mani il basilico fresco, tagliuzzare i pomodori secchi. Aggiungere l'olio, sale e 2.3 cucchiai di aceto e mescolare accuratamente. Assaggiare per verificare se non manca  ancora qualche condimento.
Nel frattempo mettete l'acqua a bollire, aggiungete il sale e versate la pasta e lasciatela cuocere 2 minuti in meno del tempo indicato sulla scatola: io 9 su 11 minuti.
Scolatela, sciacquatela bene con acqua fredda sia per fermare la cottura che per raffreddarla prima di aggiungerla all'insieme preparato nella terrina,
Mescolare accuratamente e verificare che non manchi di sapidità.

si vedono benissimo i risoni

Io l'ho preparata la sera prima perchè mi piace che diventi fredda ed acquisti sapore stando assieme.
Però....però volevo aggiungere ancora qualcosa : una bella fritatta tagliata a listerelle.
Mi sono fermata al pensiero che questa si sarebbe "ammosciata" mescolata alla pasta per più tempo e quindi..."idea", perchè non farla lo stesso nel momento dell'impiattamento creando una bella base calda e filante e poi concludere con la pasta fredda .......!!!!!!
Quindi, va mangiata subito e non mescolata assieme al resto e queste sono le proporzioni per due persone: - 2 uova con 2 cucchiai di latte e 50 g di mozzarella grattugiata
 (la trovate anche già pronta come il formaggio grattugiato),  sale e pepe e sbattete bene il tutto.
In una padella antiaderente, ungetela con un pò d'olio evo e fate la frittata sollevando i lembi in modo che tutto il liquido vada sotto e la frittata si gonfi un pò. Poi con un piatto o coperchio rovesciatele dall'altro lato, risulterà per via della mozzarella leggermente filante.

frittata


Quando pronta, spezzettatela a larghi pezzi e mettete nel piatto come base...



Poi la completerete con la pasta fredda e servite subito. E' buonissimo il sapore mescolato caldo della frittata filante con la pasta fredda. Guarnite con un funghetto altro a vostro piacere.

 

Comunque si può gustare subito come si dice "a temperatura ambiente" o dopo 1 ora in frigocon o senza frittata questa è una mia idea che è piaciuta a maritozzo.

Nota
A piacere si possono aggiungere scatoletta di tonno, salmone affumicato, acciughe sott'olio o quant'altro vi viene voglia di provare o avete in casa, più cose si mettono più gustosa diventa. La fantasia in questo caso è infinita.

*)
Non ho messo la quantità di uova perchà dipende dal numero dei commesali, noi eravamo in due. Calcolate sempre di allungare l'uovo con 2-3 cucchiai di latte e la mozzarella 50 g è per due uova se di più dovete aumentare in proporzione.

Ciao a tutti e buona giornata.
Stampa il post