Un bella immagine del Lago Woerther

Un bella immagine del Lago Woerther
Foto personale

Benvenuti Amici e Grazie di seguirmi

mercoledì 1 luglio 2015

Klagenfurt...campeggio: foto e ricette...miscellanea

Spero di non tediarvi ma ci sono ancora delle cosine che vorrei condividere con voi.
Nel post precedente vi avevo parlato dell'incontro avuto con mio fratello (QUI) e oltre essere stati assieme a vedere la città di Velden, Villach (Villaco) ed a cenare in birrerie e ristoranti,  ho pensato anche di offrire un piatto di pasta che a loro piace moltissimo nella mia tenda. Usualmente per non cucinare, considerando l'eventuale odore di cucina ed il caldo, mangiamo quasi sempre piatti freddi ma questa volta non potevo negare un condimento un pò speciale per questo piatto di pasta.
Vi metto la foto dove mi "vedete"con la terrina di pasta ed un altra di insalata mista. La bionda è mia cognata


Il problema...che cavolo di sugo fare con quanto avevo in casa... quindi improvvisazione ;)


Ingredienti per il sugo
- 1 barattolo di pomodoro ho trovato la famosa Mutti (400 g)
- 1 vasetto di acciughe arrotolate con cappero (50 g )
- 1 vasetto di funghi champignons al naturale (100 g )
- 1 vasetto di olive verdi sott'olio (100 g)
- aromi freschi vari che in Austria non mancano ne vanno matti come:
- menta (ne esistono oltre 10 tipi diversi), germogli di aglio, rosmarino,prezzemolo, basilico, timo e più altri di cui non ricordo il nome (sminuzzati e quantitativamente aggiunti a secondo del loro sapore se forte o leggero per bilanciare)
- 3 cipolotti freschi rossi (grandezza media)
- aglio che in Austria non manca mai rigorosamente fresco (3 spicchi grossi)
- zenzero super piccante però in polvere
- sale, pepe q.b.
- olio evo che avevo portato con me
- 500 g di spaghetti n.3 (eavamo in 4)

Svolgimento
Dopo aver fatto rosolare tagliati fine fine i cipolotti e l'aglio, ho aggiunto il pomodoro e lasciato insaporire. Poi poco alla volta un pò di tutti gli altri ingredienti iniziando dai funghi - tutti - senza la loro acqua di conservazione, metà di quello di acciughe e olive. Poi tutti gli aromi, sale e pepe e lasciato andare per circa 10 minuti.
(Il fuoco della bombola a gas cuoce più in fretta di quello casalingo e bisogna fare attenzione perchè la fiamma è difficile regolarla)
Poi ho aggiunto quanto rimasto delle olive e delle acciughe con un pò del loro olio e siccome volevo un pò di piccantino ho messo mezzo cucchiaino di zenzero in polvere e ancora mezzo di aglio - in polvere questa volta.
Una leggerissima spruzzata di aceto (di mele) ha dato un sapore un pò particolare.
La pasta l'ho cotta per metà del tempo e, aggiunta al sugo l'ho lasciata proseguire in cottura in modo che possa assorbire il condimento lasciandola però al dente.
Vi assicuro che era splendida, mare e monti (si fa per dire) e mi è riuscito di amalgamare tutto molto bene senza alcuna sopraffazione di sapore dei vari ingredienti.....è stata divorata. Quella che vedete nel contenitore è la mia ma,  come ogni cuoca,  finito di cucinare assaggiando ci si sazia e quindi ne ho mangiata poca.
Verdure fresche in insalata a completato il tutto.
Una bottiglia di vino rosso Chianti Gallo Nero 2011 che ho portato con me.
Aperitivo : il famoso "Hugo" che viene fatto con spumante prosecco, sciroppo di sambuco, due fettine di lime leggermente spremute ed un rametto di menta e ghiaccio. Lo preparano in qualsiasi Bar anche in Italia. usualmente solo con la menta ma voi chiedete anche uno spicchio di lime che aggiunge una nota di sapore insuperabile. In Austria si trova già pronto ho dovuto solo metterlo nel congelatore (messo a disposizione dal campeggio) ed aggiungere le fettine di lime ed un piccolo rametto fresco di  menta e servire in... bicchieri di plastica :( :( non ne avevo altri (sono andati rotti quelli di vetro in uno dei viaggi e non ho voluto ricomprarli troppo pericoloso avere vetro sparso :( )

Aggiungo ancora un due foto fatte alla cena nel " Landhofgasthaus"  link diretto (clic sulle foto per ingrandire) .......





....la foto di sinistra il piatto dallo stesso lato sono tortelli carinziani ripieni di ricotta ed un velo di mentuccia conditi con papavero misto a pepe rosa. 
L'altro piatto è il mio e si chiama "Gerollte Beiried" si presenta con un impatto visivo molto goloso e vi assicuro che è anche altrettanto buono.
Mi sono fatta spiegare la ricetta e ve la passerò  al prossimo post qui sarebbe troppo lungo. Non l'ho rifatto perchè altrimenti non lo pregusterei la prossima volta al ristorante come anche la famosa "Tafel spitz".
La seconda foto è la loro famosa birra "Augustin", da loro prodotta -  leggermente brunita non molto alcoolica e il bicchiere piccolo è il mio :) .

Chiudo questo post con due immagini che si riferiscono alla festa Alpe Adria di cui vi ho parlaro nel post precedente e qui vedete un gruppo di giovano "cantori" ... cantano e suonano sui trampoli. Tutto il necessario per la loro musica lo portano addosso. Sono italiani ma cantano in tedesco e inglese, simpaticissimi. Due foto perchè cosi vedete dal dietro tutto quello che si portano e vi dirò che non è leggero oltre a cantare e muoversi al ritmo della loro musica stando in equilibrio sui trampoli: bravissimi !!!!



Clic per ingrandire


Un abbraccio, grazie di avermi letto ed alla prossima ricetta e notizie.
Buona giornata.
Stampa il post

sabato 27 giugno 2015

Klagenfurt - Carinzia (Austria) Campeggio sul lago Woerther ....le mie vacanze!!!!



Queste due immagini di apertura sono le mie preferite e, scusatemi,  se le ripropongo.
Fare la tenda non è una cosa facile e veloce, bisogna predisporre la base con le stanghe apposite e farlo solo noi due ci vogliono almeno 5 ore incluso poi l'allestimento interno ...con piccola pausa mangereccia!!!! Disfarla è più veloce ma poi sistemare il tutto all'interno della roulotte valutando il peso che deve essere in perfetto equilibrio porta via tanto tempo che ci vogliono ugualente 5 ore,  qualche volta anche di più se c'è stata tanta pioggia e quindi la tenda la si deve pulire molto bene prima di ripiegarla è non è un lavoro veloce considerando la grandezza.
Quest'anno non abbiamo fatto tanti spostamenti in giro per la Carinzia in quanto contrariamente agli anni precedenti le prime 3 settimane sono state bellissime e calde e quindi sole e nuotate nel lago anche se l'acqua all'inizio aveva 17 gradi, ma questo non ci spaventa :) . Siamo arrivati a 31-32 gradi senza umidità e quindi sopportabilissimi con una leggera brezza. Poi verso sera, la notte fino al mattino la temperatura scende fino a 14 gradi per cui si dormiva bene con un paio di copertine pile :)
L'ultima settimana è stata pessima, ha piovuto quasi sempre e molto forte e la temperatura è scesa sotto i 10 gradi praticamente sono mancati 20 gradi di colpo e quindi nessuna voglia di girare ma solo stare al coperto ed al calduccio. I posti di ristoro non mancano quindi si andava volentieri a Klagenfurt in qualche punto d'incontro caratteristico piuttosto che stare nell'umido del campeggio durante il temporale.

C'è stata anche quest'anno la festa "Das Kärntner Alpe Adria Fest" che coinvolge le tre regioni confinanti vale a dire la Slovenia, la Carinzia ed il Friuli Venezia Giulia per l'Italia. L'anno scorso ci sono stati i personaggi di Walt Disney e chi ha piacere di rivedere le foto e anche il famoso piatto "Tafel Spitz" (che piaceva all'imperatore austriaco) gustato al Bierhaus Zum Augustin e che non mi sono fatta mancare nemmeno quest'anno: ecco il link Klagenfurt 2014 .
I personaggi riproposti all'inaugurazione erano sempre da Walt Disney e nei giorni di durata della festa (5) un orchestrina molto conosciuta localmente ha suonato canzoni austriache ma anche con un repertorio internazionale. Hanno anche riproposto con somma gioia e applausi dei presenti una serie di canzoni dei "Beatles" cantate molto bene ma la mia ripresa non da il giusto riconoscimento.
Ho fatto un piccolo video con la macchina fotografica Canon ma purtroppo l'audio anche per il brusio circostante non è dei migliori, ho scelto di registrare "Let me be".
Siccome supera i MB accettati dal blog ho dovuto scaricarlo su YouTube per avere il codice sperando che forse da li si possa sentire meglio e quindi vi metto il video qui  ma anche il link diretto su YouTube




Alcune foto...
Una bella veduta del lago da Reifnitz la cittadina che ospita l'avvenimento del raduno Europeo delle GT Volkswagen che porta da 2000 abitanti a 3.000.000 di presenze, i locali scappano per quei 3 giorni ed è la foto con i due bicchieri di birra (bionda per maritozzo, rossa per me) e l'altra senza.. stavamo attendendo di ordinare...., la terza è dalla sponda opposta di Klagenfurt da Velden una cittadina molto vicina al confine italiano prettamente turistica e la lingua italiana bene o male la conoscono tutti. La quarta è la veduta del lago dove ho il campeggio è una bellissima passeggiata usualmente alla sera in compagnia di oche, anitre, cigni e company ! :D





Quest'anno dopo 10 anni che ci siamo incontrati per la prima volta (non sapevamo nulla di noi fino a 5 anni prima) ho reincontrato mio fratello tedesco (si dice fratellastro ma mi suona male).  Ha fatto 1000 km lui vive ad Hannover nord della Germania. Abbiamo il padre in comune, mamme diverse. E' stato un piacere rivederlo anche se pesantuccio per maritozzo che non conosce la lingua e loro non parlano la nostra. Fare da interprete e traduttrice simultanea è stato un pò pesantuccio su 7 giorni della loro permanenza ci siamo visti per 4 giorni.. mattino, happy hour e cena.
Sarà molto difficile che io vada da loro ad Hannover, il viaggio sia con treno (non diretto) o con macchina è lungo bisognerebbe andare con l'aereo. Ma i problemi di lingua di maritozzo rendono la cosa molto difficile, sarebbe troppo pesante per entrambi. Da sola, dopo aver avuto un infartino 14 anni fa maritozzo non sarebbe tranquillo e quindi anch'io non potrei godere della visita pensando che qualcuno è costantemente in pensiero per me. D'altra parte non sapevamo nulla di noi fino a 15 anni fa e siamo cresciuti e vissuti si può dire in due mondi e realtà completamente diversi. Abbiamo anche un età che non ci permette una amalgamazione di rapporto immediata  (76 lui - 71 io) e la distanza non gioca a favore e non si  sopperisce al conoscerci con qualche sporadica visita. Si dovrebbe vivere un pò più vicino e la freguentazione dovrebbe essere se non spesso ma almeno costante nel tempo ma cosi non gioca a favore. Va bene cosi,  se che ci sarà tempo ed occasione..  vedremo magari d'incontrarci a metà strada...non pensiamo ora il futuro e qualche soluzione è sempre dietro l'angolo basta vederlo.


(non ci assomigliano per niente :) )

Qualche ricetta la prossima volta.
Vi indico solo due link di FB che parlano dei due ristoranti ove tutti e quattro abbiamo cenato. Sono molto caratteristici e pieni di storia e ci sono anche dei video sui loro interni.


Appartengono entrambi alla stessa catena solo che il primo è più considerato una Birreria mentre l'altro è all'interno di una corte ed è molto più chic essendo anche stato rinnovato lo scorso autunno rendendolo più piacevole senza stravolgere l'ambiente antico e, in questa corte, avvengono le manifestazione e avvenimenti della città e dove è il Municipio di Klagenfurt. Anche qui merita una passeggiata con il video che cliccando sul link delle rispettive pagine vi porta al loro sito.

Per oggi termino e vi saluto, scusate se ho parlato di me e non ho postato moltissime foto ma ne devo ancora raccogliere sia dal cellulare che dalla macchina.
Un abbraccio e buona fine settimana.

PS.
Scusate l'intermezzo domenicale riprendera con il  5 luglio, perdonatemi ma sto preparando ed il rientro mi porta via tantissimo tempo. Grazie
<3 <3 <3

Stampa il post

martedì 23 giugno 2015

Torta salata in pasta sfoglia che s'illude di essere una "fillo"

Sono rientrata carissimi amici domenica sera. Tra le altre cose del rientro devo mettere in ordine anche ricette e foto che ho fatto e portato dal campeggio austriaco. Sarà un pò di lavoro perchè devo raccogliere e traferire dal portatile al fisso. Intanto ho pensato di presentarvi questo piatto che ho fatto prima di partire prendendo l'idea dall'amica Monica di cui ho anche indicato il link per la ricetta originale che senz'altro è migliore. Alcune modifiche sono state obbligatorio per mancanza di "pasta fillo" e dall'intolleranza ai pomodori freschi cotti :( :(
Ci risentiamo con foto ecc. presto...spero, i lavori del rientro sono sempre lunghi e non si è invogliati a fare. Se tornassi in vacanza e siano altri che lo facciano al posto mio ... :) :) :)
Buona settimana.




L'idea di questa torta salata l'ho presa dal blog dell'amica Monica Zacchia  Dolci Gusti ma anche con la ferma intenzione di replicare esattamente la sua. Purtroppo la mancanza esatta degli ingredienti mi ha fatto deviare sul tema ma, mi sento in dovere di mettere il suo link perchè possiate provare la sua di meravigliosa Torta Salata.

La pasta fillo purtroppo non sono riuscita a trovarla quella di frigo ma solo la surgelata che purtroppo una volta scongelata, non so perchè, è andata a pezzi impossibile da utilizzare.
Per fortuna avevo a casa l'immancabile pasta sfoglia e già come provato un altra volta l'ho tirata veramente sottilissima su di un piano infarinata duplicando la grandezza forse anche troppo per la mia tortiera.


Ad ogni modo non sarà stata splendida alla fine come presentazione ma è paciuta tantissimo a maritozzo ed anche all'amica ed ovviamente alla sottoscritta.

Ingredienti per una tortiera da 26 con cerniera
1 confezione di pasta sfoglia (meglio se utilizzate una rettangolare tagliata a meta e poi assotigliata)
100 g di formaggio al peperoncino tagliato a scaglie
50 g di mozzarella affettata sottile (usato quella per pizza)
1 scatola di pomodorini ciliegini (non posso quelli freschi cotti purtroppo)
50 g di formaggio reggiano (tagliato a scaglie)
1 salsicetta (da mettere spezzetata)
prezzemolo-aglio secco - olio - sale
farina di semola q.b.




Dopo aver tirato la pasta sfoglia il più sottile possibile, che essendo tonda ho avuto qualche difficoltà per tagliarla esattamente a metà. Se invece avete quella rettangolate tagliate a metà prima di assotigliarla.
Se invece avete il foglio di pasta fillo non avrete problemi dovrete solo dividerla  a metà se è in rotolo oppure usare i due fogli contenuti nella confezione.
Non ho usato la carta forno per foderare la tortiera ma se voi avete dubbi che si attacchi mettetela.
Coperta la tortiera con le due sfoglie in senso inverso l'una dall'altra i bordi nel mia caso fuoriuscivano troppo ma non ho voluto tagliarli.
Sul fondo mettete un pò di farina di semola per assorbire l'umido.
Fate uno strato di pomodorini, se usate quello in scatola tenete da parte il liquido. Schiacciate con le dita i pomodorini (per questo i bordi sono rossicci :( ), poi le scaglie del formaggio piccante da voi scelto, la mozzarella, pochissimo sale ed un pò di prezzemomo ed aglio secco. (Io uso questo perchè è meno forte di quello fresco che maritozzo non piace sentirlo). Aggiungete i restanti pomodorini, poi le scaglie di reggiaano finite con il prezzemolo e due/tre fiocchetti di burro. Versate un paio di cucchiaini di sugo dei pomodorini e chiudete i lembi sormontandoli. 
I miei erano troppo lunghi :( - spennellate di olio e mettete in forno coprendo con carta di alluminio per i primi 25 minuti a 160° (io ho il forno ventilato). Poi togliete la copertura portate a 170° e lasciate ancora per una 20ina di minuti controllando che diventi colorato e croccante. Lasciate sfreddire in forno per mangiarlo tiepido.




Tagliato a fette, spazzolato ne è rimasta una fetta sola.


Accompagna con unn insalata fresca.


NOTA
Vi consiglio di usare i pomodorini freschi come da ricetta di Monica perchè senz'altro sono più buoni. Come detto io i pomodori in genere freschi ma cotti non li digerisco solo a crudo. Nemmeno il mio  medico riesce a capire il perchè. In scatola non ho nessun problema.

Stampa il post